Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento del sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

ok, ho capito

L'acqua Vergine e Villa Giulia

13 giugno 2019 - dalle 17:00 alle 18:30

Conferenza nella Sala della Fortuna a cura di Marcello Forgia (Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia) e Pietro Rossi Marcelli (Associazione AMUSE).

A Villa Giulia l’acqua è di casa. Il cuore della villa è ancora oggi il Ninfeo in cui anche nelle afose giornate estive è possibile godere il fresco. Ma ai tempi di papa Giulio III il parco intorno alla Villa è pieno di fiori e piante che in estate devono essere innaffiate. poi ci sono le vigne intorno: la Vigna vecchia, la Vigna bassa verso la via Flaminia, la Vigna alta sul colle di San Valentino, la Vigna di Porto con l’imbarcadero sul fiume, la Vigna di Balduino dove ora è Villa Poniatowski. Ma anche la grande fontana a via Flaminia nascondeva alle sue spalle un luogo magico, privato: un altro ninfeo, circondato da un porticato del Sansovino, esposto a settentrione per difendere gli ospiti dalla calura estiva, ornato con giochi d’acqua e peschiere per allevare pesci. Ma da dove arrivava tutta questa acqua. Per capirlo basterebbe entrare in uno degli ambienti sotterranei adiacente al Ninfeo (di solito non aperto al pubblico). Davanti a noi vedremmo la parte superiore di una copertura a botte di un acquedotto romano. E l’Acqua Vergine che scorre lì dentro da più di duemila anni.

 

L'ingresso nella Sala della Fortuna è libero e consentito fino ad esaurimento posti. Ingresso al Museo e alla Villa secondo bigliettazione ordinaria. Non è prevista la prenotazione.

let's talk

Dialoga con il museo

Scrivici o seguici
facebook
instagram
twitter
youtube

Seguici sui social

newsletter

Iscriviti per sapere tutto sulle nostre attività

contattaci

Scrivici e contattaci.
Guarda chi siamo e di cosa ci occupiamo