Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento del sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

ok, ho capito

Anfora di tipo panatenaico


Artwork biography
{ back to biography list }

Name
Anfora di tipo panatenaico con coperchio
Date
530-510 a.C.
Location
sala 3

Production place
Atene
Provenance
Vulci
Findspot
Necropoli dell’Osteria, Tomba del Guerriero (XLVII), scavi R. Mengarelli e U. Ferraguti

Materials
Ceramica
Technique
Modellata al tornio, figure nere
Dimensions in cm
Alt. 52,2; alt. con coperchio 57; diam. orlo 18,5

Inventory Number
63573 (anfora) e 63574 (coperchio)
Acquisition date
1931

L’anfora proviene dalla Tomba del Guerriero di Vulci, appartenuta a un personaggio di alto rango, vissuto nella seconda metà del VI secolo a.C. e sepolto con un ricco corredo che comprendeva armi da offesa e difesa, un carro e pregiato vasellame in bronzo e ceramica.
Su un lato dell’anfora, fra due colonne che sorreggono dei galli, la dea Atena avanza verso sinistra brandendo una lancia. Il Iato opposto mostra due pugili in combattimento, alla presenza di un compagno e del giudice di gara, il quale è ammantato e impugna un’asta. Gli atleti hanno una folta barba, sembrano aver superato la prima giovinezza e indossano delle protezioni sulle mani.
Il vaso, attribuito al Pittore di Antimenes, è chiaramente ispirato alle anfore panatenaiche ma ha una forma leggermente diversa (il collo è più largo e il piede meno affusolato), dimensioni minori ed è privo dell’iscrizione «ton Athenethen athlon» ([premio] delle gare ad Atene). Le anfore panatenaiche costituivano il premio ufficiale per le competizioni artistiche e sportive delle Grandi Panatenee di Atene (organizzate ogni quattro anni a luglio, durante la festa dedicata ad Atena, patrona della città) e contenevano olio ricavato da ulivi sacri.
I possessori delle anfore di “tipo” panatenaico vedevano nei loro vasi un riferimento diretto ai prestigiosi trofei ateniesi e li consideravano un simbolo di rango e distinzione sociale.

F. Curti, N. Frapiccini, “Tomba del guerriero di Vulci”, in A. La Regina (a cura di), Nike. Il gioco e la vittoria (Catalogo della Mostra di Roma, 2003-2004), Milano 2003, pp. 262-263.

A.M. Moretti Sgubini, L. Ricciardi, E.Eutizi, “Vulci, necropoli dell’Osteria, campagna di scavo 2011-2012: dati preliminari”, in L. Mercuri, R. Zaccagnini (a cura di), Etruria in progress. La ricerca archeologica in Etruria meridionale (Atti del Convegno; Roma 2012), Roma 2014, p. 110, nt. 23 con bibliografia precedente.

 

Le monde étrusque, Marsiglia, Musée Borély, 1977-1978

Civiltà degli Etruschi, Firenze, Museo Archeologico Nazionale, 16 maggio-20 ottobre 1985

Les Etrusques et l'Europe, Parigi, Grand Palais, 1992; Die Etrusker und Europa, Berlino, Altes Museum, 1993

Nike. Il gioco e la vittoria, Roma, Colosseo, 4 luglio 2003 - 7 gennaio 2004

let's talk

Do you want to speak to us?

Send us your questions or follow us
facebook
instagram
twitter
youtube

Follow us on our social

newsletter

Subscribe to our newsletter

Contact us

Write to us.
Discover who we are and what we do.