Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento del sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

ok, ho capito

Anfora attica a figure nere


Artwork biography
{ back to biography list }

Name
Anfora attica a figure nere raffigurante l’uccisione dell’Idra di Lerna
Typology
Ceramica dipinta
Date
530-500 a.C.
Location
sala 13 vetrina 3

Provenance
Cerveteri
Findspot
Tomba Martini Marescotti 610, Necropoli di Monte Abatone

Materials
Ceramica
Technique
Decorazione a figure nere
Dimensions in cm
Altezza massima 28,6cm; larghezza massima 18cm

Inventory Number
106465

Nell’anfora attica a figure nere attribuita al Pittore di Michigan compare la rappresentazione di una delle dodici fatiche inflitte da Euristeo a Eracle: l’uccisione dell’Idra di Lerna, uno dei soggetti mitologici più precocemente rappresentati nell’arte greca. l’Idra, mostro acquatico dalle molteplici teste (da cinque a cento, secondo le fonti antiche), figlio di Echidna e di Tifone, era stata allevata da Hera nella palude di Lerna, in Argolide, sotto un platano, vicino alla fonte Amimone, proprio per servire da prova a Eracle. L’eroe riuscì a sconfiggere il mostro, le cui teste mozzate con la spada si rigeneravano, grazie a un’astuzia ispiratagli da Atena e chiamando in soccorso il nipote Iolao: mentre l’eroe teneva fermo il mostro, Iolao cauterizzava ogni ferita con tizzoni ricavati dal fuoco appiccato nella vicina foresta, ed è proprio questo il momento dell’impresa riprodotto nell’anfora. Si diceva che la testa di mezzo fosse immortale: Eracle la tagliò, la sotterrò e vi pose sopra un enorme masso, indi immerse le sue frecce nel sangue dell’Idra, rendendole in tal modo velenose alla minima scalfittura.

M. Moretti, La tomba Martini-Marescotti, (Quaderni di Villa Giulia, 1) Roma 1966.
G. Kokkorou-Alewras, Herakles and the Lernaean Hydra, in Lexicon Iconographicum Mythologiae Classicae, V,1, Zürich-München 1990, vol V,1, pp. 41-43.
Verbanck-A. Piérard, Héraclès, pourfendeur des dragons, in Le Bestiaire d’Héraclès, (IIIe rencontre héracléenne. Actes du Colloque, Liège-Namur, 14-16 novembre 1996), Kernos Suppl. 7, Liège 1998, pp. 37-60: 44-48; 52-55 (sull’affinità iconografica e semantica fra l’impresa dell’Idra e quella dei pomi delle Esperidi).

Colori degli Etruschi. Tesori di terracotta alla Centrale Montemartini
Roma, Musei Capitolini, Centrale Montemartini
11 luglio 2019 - 2 febbraio 2020

let's talk

Do you want to speak to us?

Send us your questions or follow us
facebook
instagram
twitter
youtube

Follow us on our social

newsletter

Subscribe to our newsletter

Contact us

Write to us.
Discover who we are and what we do.