Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento del sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

ok, ho capito

Spilla in micromosaico con ritratto di Dante


Artwork biography
{ back to biography list }

Name
Spilla in micromosaico con ritratto di Dante
Typology
Jewel
Date
1865 ("Periodo Moderno" manifattura Castellani
Location
Sala 27 (primo piano)

Production place
Roma, Bottega Castellani
Provenance
Collezione Augusto Castellani

Materials
Oro; tessere in oro e vetro
Technique
Micromosaico di Luigi Podio entro fastosa montatura in oro; sul retro due monogrammi a doppia “C” intrecciata: uno sul bordo esterno, di tipo semplice, l’altro centrale e incluso in un rombo (tipo complesso).
Dimensions in cm
Diam. 4

Inventory Number
85340
Acquisition date
22 gennaio 1919 (cessione e donazione di Alfredo Castellani)

Spilla rotonda con cornice d’oro a più giri di cordelle e trecce; al centro, su fondo oro, ritratto di Dante in micromosaico eseguito da Luigi Podio (1826-1888), cugino di Augusto e direttore del laboratorio di micromosaico al servizio della bottega Castellani. L’ideazione dell’opera, di cui sono note varianti, fra cui una su un braccialetto del “periodo medievale” venduto a Ginevra nel 1972 dalla casa d’aste Christie’s, risale all’anno 1865, in cui ricorreva il sesto centenario della nascita del Divino Poeta, adottato come simbolo patriottico e la cui commemorazione s’inserì nel programma delle celebrazioni per l’unità d’Italia. 
L’ispirazione si deve con ogni probabilità a Michelangelo Caetani, consigliere e collaboratore della famiglia Castellani e anche stimato dantista. Il ritratto di Dante realizzato da Luigi Podio per questa pregiata spilla riprende quello che figurava nel ciclo di affreschi giotteschi (1334-1337) scoperti nel 1840 a Firenze da Antonio Marini nella Cappella della Maddalena del Palazzo del Podestà, oggi sede del Museo Nazionale del Bargello. Il volto lungo, il naso aquilino, le mascelle grandi, il labbro inferiore sporgente rispetto a quello superiore, gli occhi grandi e lo sguardo malinconico e pensoso corrispondono alla descrizione delle fattezze del Poeta che Giovanni Boccaccio traccerà nel suo Trattatello in laude di Dante (1362).

R. Barbiellini Amidei, in A.M. Moretti Sgubini (a cura di), La Collezione Augusto Castellani, Roma 2000, scheda n. 217, p. 237. J. Rudoe, in A.M. Sgubini Moretti e F. Boitani  (a cura di), I Castellani e l’Oreficeria archeologica italiana, Catalogo dell’edizione italiana della mostra a Villa Giulia (11 novembre 2005-26 febbraio 2006), Roma 2005, p. 148 e scheda  n. 41 a p. 315.

let's talk

Do you want to speak to us?

Send us your questions or follow us
facebook
instagram
twitter
youtube

Follow us on our social

newsletter

Subscribe to our newsletter

Contact us

Write to us.
Discover who we are and what we do.