Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento del sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

ok, ho capito

Fondo di coppa attica a vernice nera con iscrizione di dedica


Artwork biography
{ back to biography list }

Name
Fondo di coppa attica a vernice nera con iscrizione di dedica
Typology
Coppa
Date
440-430 a.C.
Location
Sala 14 (primo piano)

Production place
Atene
Provenance
Gravisca, comune di Tarquinia (VT)
Findspot
Santuario emporico etrusco, Edificio Gamma

Materials
Ceramica
Technique
Lavorata al tornio, decorazioni impresse sul fondo interno
Dimensions in cm
H max 3,5; Diam. 14,2

Inventory Number
72/17378; 17385; 17777; 17380; 17370 (nn. di scavo)

Della grande coppa attica a vernice nera oggi resta solo il fondo, ricomposto da più frammenti. All’interno è presente una decorazione stampigliata con fasce concentriche di ovoli e di palmette collegate da festoni.
Il vaso è stato rinvenuto nel santuario etrusco di Gravisca, che sorgeva presso l’antico porto di Tarquinia e che accolse per secoli Etruschi e stranieri, soprattutto mercanti greci. Gli scavi hanno restituito resti di edifici e di offerte votive, costituite in buona parte da vasellame.
La coppa venne dedicata a Turan, come testimonia l’iscrizione graffita sotto il piede: turns turce ramtha venatres (Ramtha Venathres ha donato a Turan). L’etrusca Turan per le sue caratteristiche era assimilata alla dea Afrodite ed era una delle principali divinità venerate a Gravisca, insieme a Uni (Era) e a Vei (Demetra).
Il gentilizio “Venathres” della donatrice ha una inconsueta declinazione al maschile che ancora attende una spiegazione soddisfacente.
L’iscrizione testimonia il cambiamento nella frequentazione del santuario dopo la ristrutturazione del 480 a.C. A partire questa data, infatti, cessano le testimonianze lasciate dai mercanti stranieri: le iscrizioni di dedica sono tutte in lingua etrusca e non contengono più nomi greci per identificare le divinità, come invece era comune nel periodo precedente.

V. Valentini, Gravisca. Scavi nel santuario greco, 9. Le ceramiche a vernice nera, Bari 1993, p. 47, n. 94, p. 271, n. 468, Tav. 12 e 46.

A. Johnston, M. Pandolfini, Gravisca. Scavi nel santuario Greco, 15. Le iscrizioni, Bari 2000, p, 71, n. 383, tav. 12.

S. Fortunelli, “Frammento di coppa attica a vernice nera”, in M. Torelli, A.M. Moretti Sgubini (a cura di), Etruschi. Le antiche metropoli del Lazio (Catalogo della mostra di Roma, 2008-2009), Verona 2008, p. 247, n. cat. 164.

V. Lecce, “Coppa a attica a vernice nera con iscrizione etrusca di dedica”, in L. Bentini, M. Marchesi, L. Minarini, G. Sassatelli (a cura di), Etruschi. Viaggio nelle terre dei Rasna (Catalogo della Mostra di Bologna, 2020), Verona 2019, p. 110, n. cat. 67.
 

Etruschi. Viaggio nelle terre dei Rasna,Bologna, Museo Civico Archeologico,7 dicembre 2019 - 29 novembre 2020.

let's talk

Do you want to speak to us?

Send us your questions or follow us
facebook
instagram
twitter
youtube

Follow us on our social

newsletter

Subscribe to our newsletter

Contact us

Write to us.
Discover who we are and what we do.