Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento del sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

ok, ho capito

Ansa di oinochoe a rotelle con iscrizione votiva


Artwork biography
{ back to biography list }

Name
Ansa di oinochoe a rotelle con iscrizione votiva
Typology
Oinochoe (brocca)
Date
Inizio del VI secolo a.C.
Location
Sala 14 (primo piano)

Production place
Veio
Provenance
Veio, Portonaccio, comune di Roma (RM)
Findspot
Santuario di Portonaccio (scavi Stefani 1929-1930), zona dell’altare

Materials
Bucchero
Technique
Lavorata al tornio
Dimensions in cm
Largh. max 15,6; H lettere 0,5-0,7

Inventory Number
3153 (n. di scavo)
Acquisition date
1930

L’attacco superiore di ansa a rotelle è pertinente a una grande oinochoe (brocca) di bucchero.
L’ansa è decorata nella parte anteriore da una testa femminile a rilievo. Sulla traversa è incisa l’iscrizione: mini muluvanice mamar:ce a:puniie venala (Mamarce Apunie mi ha donato a Venai). Le lettere sono in alfabeto veiente arcaico, graffite dopo la cottura. 
Il dedicante è Mamarce Apuniie, un personaggio del quale non si hanno notizie storiche ma che fu attivo in diversi contesti: un’altra dedica con il suo nome proviene dal corredo di una tomba di Lavinium (CIE 8612) e testimonia l’influenza e i rapporti di Veio con i maggiori centri del Lazio antico nel VI secolo a.C.
La lunga iscrizione menziona, secondo Giovanni Colonna, anche la dea Venai, della quale non si hanno altre notizie, ma che potrebbe aver ispirato il nome di una donna - “Venalia Slarinas” - ricordata su un’iscrizione di Portonaccio (CIE 6409). Secondo altre ipotesi il termine Venala sarebbe invece un gentilizio femminile.
Il vaso fa parte di una serie di buccheri di grande qualità forse prodotti espressamente per il santuario di Portonaccio: molti esemplari vennero acquistati per essere utilizzati e/o offerti in occasione di cerimonie rituali. Su diversi vasi compaiono iscrizioni di dedica, realizzate presumibilmente dal personale che prestava servizio nel santuario.
 

CIE, II, 5 e Addenda II, 1, n. 6421.

D.F. Maras, Il dono votivo, gli dei e il sacro nelle iscrizioni etrusche di dono, Roma 2009, p. 410, n. cat. Ve do 3, con bibliografia precedente.

V. Lecce, “Ansa a rotelle di oinochoe con iscrizione votiva etrusca”, in L. Bentini, M. Marchesi, L. Minarini, G. Sassatelli (a cura di), Etruschi. Viaggio nelle terre dei Rasna (Catalogo della Mostra di Bologna, 2020), Verona 2019, pp. 99-100, n. cat. 42.
 

Etruschi. Viaggio nelle terre dei Rasna,Bologna, Museo Civico Archeologico, 7 dicembre 2019 - 29 novembre 2020

let's talk

Do you want to speak to us?

Send us your questions or follow us
facebook
instagram
twitter
youtube

Follow us on our social

newsletter

Subscribe to our newsletter

Contact us

Write to us.
Discover who we are and what we do.