Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento del sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

ok, ho capito

Le ville scomparse della via Nomentana

18 marzo 2020 - ore 17.30

CONFERENZA RINVIATA

Si informano i visitatori che, in ottemperanza al DPCM 8 Marzo 2020, la conferenza è stata rinviata a data da destinarsi.

 

Conferenza Roma2pass su “Le ville scomparse che sorgevano lungo il primo tratto della via Nomentana” (quando la strada era larga circa un quarto dell’attuale viale), tenuta dalla dott.ssa Bianca Santese nel Museo Etrusco di Villa Giulia.

Nella Roma rinascimentale e barocca dei Papi, il verde , sia quello monumentale che le grandi estensioni agricole, era parte integrante della città. A partire dal 1870, Roma ha subito una radicale trasformazione: da città capitale della giovane nazione italiana, per la quale era necessaria una rapida espansione edilizia (pubblica che privata). La via Pia (oggi via del Quirinale e via XX Settembre) lunga direttrice urbana che da piazza Monte Cavallo (oggi piazza del Quirinale) arrivava fino a porta Pia era contornata da magnifiche ville e giardini. La via Nomentana, la sua prosecuzione fuori dalle antiche mura della città, era a sua volta attorniata da ville patrizie con giardini, vigne e orti, come era nella tradizione delle ville extra urbane. Con la conferenza in esame si propone un breve excursus storico lungo questo importante asse viario, dalla Roma papale alla Roma capitale del Regno, alla ricerca delle ville non più esistenti.

La durata è di circa 90 minuti.
Ingresso libero e gratuito nella sala della Fortuna fino esaurimento posti. Ingresso al Museo secondo bigliettazione.

 

let's talk

Do you want to speak to us?

Send us your questions or follow us
facebook
instagram
twitter
youtube

Follow us on our social

newsletter

Subscribe to our newsletter

Contact us

Write to us.
Discover who we are and what we do.